Una tesi di laurea sull’intelligenza artificiale di Bang!

Qualche mese fa la studentessa Monika Danilàkovà si è laureata in Informatica presso la prestigiosa Università Carolina di Praga con una tesi dal titolo Artificial Intelligence for the Bang! Game: in pratica ha studiato il gioco e scritto cinque algoritmi capaci di giocare a Bang!, con tanto di server e client scritti in C# utilizzabili per giocarci. Il suo lavoro è stato giudicato “eccellente” dalla commissione. Per chi fosse curioso a questo indirizzo si può trovare il testo della tesi (scritta peraltro in un ottimo Inglese, come richiesto dal piano di studi).

Per la cronaca è la terza tesi di laurea scritta su Bang! di cui ho notizia.
La prima in ordine cronologico è stata quella di un altro studente della Repubblica Ceca, Michal Čevora, intitolata KBang e incentrata sul modo di far giocare online a Bang! più giocatori umani. Michal si è laureato nel 2009 in Informatica sempre all’Università Carolina di Praga e il suo programma, rilasciato liberamente su Internet per i sistemi Windows e Linux, ha goduto di un grande consenso fra gli appassionati in un periodo in cui non c’era ancora la versione elettronica ufficiale: fra l’altro consentiva di chattare ricreando un po’ quell’atmosfera di chiacchiericcio, bluff parlati, giustificazioni del gioco e accuse incrociate caratteristiche delle partite a Bang!. Purtroppo il testo della sua tesi, di oltre 40 pagine, è in lingua, quindi praticamente incomprensibile per chi non conosce il Ceco.
La seconda tesi è invece tutta italiana: si tratta infatti di Per un pugno di carte. Il successo dello spaghetti card game all’italiana, tesi in Sociologia e Comunicazione dell’Università di Roma “La Sapienza” dell’anno accademico 2010-2011 scritta da Giulio Tedeschini Lalli, avente come relatore la prof.ssa Silvia Leonzi e come correlatore il prof. Giovanni Ciofalo. La tesi è uno studio sociologico del gioco (prendendo come riferimento, ovviamente, le definizioni del sociologo Roger Callois), e in particolare dei giochi di carte prendendo poi come caso di studio proprio Bang! e le sue espansioni, studiandone la comunità di appassionati, l’universo narrativo, le caratteristiche strutturali e il mercato (incluso il plagio cinese).

Ci si può chiedere come mai ben due tesi di laurea su Bang! (nonché anche il primo lungometraggio e un serie di cortometraggi di cui parlerò magari in un’altra occasione) provengano dalla Repubblica Ceca: la soluzione sta nel fatto che questo mercato è il maggiore protagonista in Europa, responsabile di quasi la metà totale delle vendite nel Vecchio Continente. Perché? Se lo chiede anche lo stesso Tedeschini Lalli nel suo lavoro, e la risposta sembra essere duplice. Da un lato il distributore in Cechia e in Slovacchia è la Albi, che è uno dei più grandi nomi in fatto di giochi e che detiene anche i diritti, fra l’altro, anche di Coloni di Catan, e fin dall’inizio ha spinto il gioco in maniera incessante. Dall’altro in quel paese c’è una cultura molto legata al West, un po’ come in Italia: infatti non molti sanno che durante la Guerra Fredda vennero girati dei film western “locali” dentro il blocco sovietico, detti Ostern Western (o Red Western); in particolare nella Repubblica Ceca un film satirico del 1964 è diventato leggendario ed entrato nell’immaginario popolare: si tratta di Limonàdový Joe (o Lemonade Joe), da cui prende ispirazione il personaggio di Bang! omonimo inserito nell’espansione Valley of Shadows.

Non è un mistero, poi, che il Politecnico di Pechino abbia istituito dei corsi di “Strategia di SanGuoSha“, che è il plagio conclamato di Bang!: chissà se qualcuno da quelle parti ha scritto anche qualche tesi in proposito…

EmilianoSciarra

Sono autore di giochi, scrittore, musicista, programmatore analista e grafico pubblicitario, nell’ordine.

Il mio gioco più famoso è BANG! (dV Giochi, 2002), un gioco di carte speciali ambientato nel Far West. Il mio libro più importante finora è L’Arte del Gioco (Mursia, 2010), un saggio divulgativo di ludologia.

Tweets

RT @dVGiochi: It is with great regret that dV Giochi says goodbye to Alessandro, illustrator of BANG! the card game. Sometimes in life you…
Sabato alle 11 ultimo saluto ad Alessandro Pierangelini, amico di lunga data e disegnatore originale di Bang!, scom… https://t.co/84oYgiAinj
La collana Ingioco della @EdUnicopli si apre anche alla narrativa, e lo fa con un testo divertente e irriverente (m… https://t.co/ZOOTvWDQg3


Seguimi sui Social

Facebooktwitterlinkedinrss